Nessun risultato trovato

La tua ricerca non ha prodotto risultati

Reportistica fiscale automatizzata

Reportistica fiscale automatizzata
La reportistica fiscale analizzata nel dettaglio

Dee Houchen, Director of Product Marketing,
Enterprise Performance Management @DeeHouchen


In che modo la reportistica fiscale moderna aiuta i CFO a soddisfare la richiesta di maggiore trasparenza da parte degli azionisti

Confessioni di un responsabile della contabilità

Confessioni di un Finance Manager

La reportistica fiscale è al centro dell'attenzione dei consigli di amministrazione. Secondo un recente report di Allen & Overy, il 23% degli executive dichiara che i problemi fiscali sono oggetto di discussione dei consigli di amministrazione più di una volta al mese, il 5% in più rispetto a cinque anni fa.

La globalizzazione del commercio mondiale e la rete sempre più complessa di normative fiscali internazionali hanno messo le aziende globali sotto la lente di ingrandimento, dato che sia gli stati sia gli organi pubblici chiedono più trasparenza riguardo come e dove le aziende pagano le tasse.

 La globalizzazione del commercio mondiale e la rete sempre più complessa di normative fiscali internazionali hanno messo le aziende globali sotto la lente di ingrandimento. 

Nel frattempo, oltre 100 paesi stanno collaborando alla creazione di nuovi inquadramenti di reportistica aziendale, come il progetto Base Erosion and Profit Shifting (BEPS) dell'OCSE, il cui scopo è di uniformare le pratiche fiscali internazionali. Quando il BEPS entrerà in vigore nei primi mesi del 2018, le organizzazioni dovranno indicare dettagliatamente, e pubblicamente, i guadagni in ogni giurisdizione in cui operano.

I CFO hanno sempre cercato di compensare le responsabilità fiduciarie nei confronti degli azionisti tramite la compliance normativa, ma hanno bisogno di un approccio alla reportistica fiscale che sia più veloce, accurato e trasparente per rimanere al passo con i requisiti in rapido cambiamento.

 

"Mentre tecnologie di punta come l'ERP sono state oggetto di un livello elevato di investimento negli ultimi anni, molte organizzazioni si affidano ancora all'immissione manuale dei dati e ai fogli di calcolo per la reportistica fiscale."

Tutto questo richiede un cambiamento nelle priorità. Mentre tecnologie di punta come l'ERP sono state oggetto di un livello elevato di investimento negli ultimi anni, molte organizzazioni si affidano ancora all'immissione manuale dei dati e ai fogli di calcolo per la reportistica fiscale.

Le aziende devono poter dimostrare a livello granulare i presupposti che si celano dietro i contributi fiscali che versano nei diversi paesi ed essere chiare su come ripartiscono i costi all'interno dell'organizzazione. Devono inoltre essere precise e trasparenti in modo scrupoloso nell'attività di reportistica. Il rischio di errori è troppo alto per lavorare in modo sufficientemente rapido con i fogli di calcolo e gli audit trail sono spesso molto difficili da seguire.

Tre tecnologie per garantire che la reportistica sia accurata e trasparente

Gli oneri relativi alla compliance sono in continuo aumento e gli azionisti richiedono report sempre più accurati: per questo le organizzazioni stanno automatizzando dove possibile. I processi automatizzati hanno un audit trail chiaro e offrono trasparenza e precisione maggiori.

 

"Gli oneri relativi alla compliance sono in continuo aumento e gli azionisti richiedono report sempre più accurati: per questo le organizzazioni stanno automatizzando dove possibile."

Inoltre, dato che l'aumento del livello di rigore rende più facile tenere traccia di quello che avviene, l'intero processo di reportistica risulta più rapido, il che significa che le aziende possono informare gli azionisti in qualunque momento.

Come è formato un sistema di reportistica moderno e automatizzato? È essenzialmente composto da tre tecnologie fondamentali:

1) Gestione della redditività e dei costi: mentre solitamente le applicazioni di gestione della redditività e dei costi sono state usate per analizzare la redditività di un particolare prodotto, ora vengono impiegate per calcolare e giustificare le politiche dei prezzi di trasferimento. Questo approccio è meno incentrato sull'individuazione dei diversi componenti della supply chain di un prodotto, che è un processo evidente, e di più sull'attribuzione di minori costi diretti.

Prendiamo in considerazione una fabbrica in Malesia che produce aspirapolveri per un marchio europeo. I costi del prodotto deve tenere in considerazione anche il costo di mantenimento della fabbrica, dei dipendenti della linea di assemblaggio e dello staff dirigenziale che gestisce le operazioni a livello locale.

2) Reportistica aziendale sul cloud: i sistemi di reportistica finanziaria permettono alle aziende di migliorare l'allineamento tra i team fiscali e finance, elemento essenziale per soddisfare i requisiti di reportistica internazionale delineati da quadri legislativi come quello del BEPS. Per approfondire questo tema, dai un'occhiata all'intervista con Richard Scammell della PwC che illustra in che modo le aziende possono modernizzare l'approccio alla reportistica grazie al cloud.

3) Narative reporting: gli stati, gli azionisti e gli organi pubblici si aspettano che le aziende condividano risultati trasparenti e precisi con una narrazione chiara. I dati privi di contesto hanno poco valore e se le aziende vogliono continuare a essere trasparenti sul loro approccio fiscale devono razionalizzare le proprie decisioni in modo dettagliato.

Confessioni di un responsabile della contabilità

Confessioni di un Finance Manager

Sta per avvenire una delle più grandi rivoluzioni in materia di fiscalità aziendale degli ultimi anni e le aziende devono disporre di un'infrastruttura di reportistica pronta al cambiamento. L'adozione di una reportistica basata sul cloud ha già attratto i dipartimenti Finance e se le aziende vogliono adattarsi ad ambienti più trasparenti e regolati questa adozione si deve estendere anche ai processi fiscali.


Per saperne di più