Gli interventi di Oracle OpenWorld 2017: Mark Hurd

Mark Hurd di Oracle: I rischi, la complessità e i costi stanno spingendo verso l'adozione del cloud

Gap e Bloom Energy sono tra i clienti Oracle che usano il cloud per supportare l'innovazione e ridurre i costi.

Di Michael Hickins



Mark Hurd, CEO di Oracle, illustra le numerose ragioni per cui i clienti adottano il cloud.

La stagnante crescita economica che domina nella maggior parte degli scenari economici e il ritmo serrato del cambiamento che caratterizza tutti i settori aumenta la pressione sui CEO che sentono di dover produrre più valore per i clienti (e ritorni di investimento per gli azionisti) a un costo ridotto.

"L'unione di questi fattori sta spingendo le aziende verso il cloud, una soluzione che permette di liberare risorse da investire in prodotti innovativi per i clienti a un ritmo in continuo aumento" ha dichiarato il CEO di Oracle Mark Hurd durante il suo intervento di lunedì all'Oracle OpenWorld. "Lo spostamento verso il cloud è inevitabile" ha detto Hurd. "Questa sarà la tendenza dei prossimi anni".

Per far comprendere meglio quanto questa tendenza sia dominante, possiamo citare il sondaggio di Dimensional Research secondo cui le aziende stanno spostando le attività di sviluppo e test delle applicazioni sul cloud a un ritmo del 20% l'anno. Mentre, secondo IDC Research, il numero dei data center aziendali è sceso di oltre il 15% durante lo scorso anno.

Il fenomeno a cui assisteremo sarà quello dell'integrazione diretta dell'AI all'interno di ognuno di questi casi di lavoro e utilizzo.

—Mark Hurd, CEO di Oracle

Hurd ha notato che il budget stanziato per l'IT continua a essere stabile in molte aziende. Con oltre l'80% dei budget destinato ad attività quali l'applicazione di patch, l'upgrade dei sistemi e la manutenzione, rimane poco spazio per investimenti nelle applicazioni e nei punti di contatto moderni che i clienti e le aziende si aspettano. Le preoccupazioni sulla sicurezza frenano ulteriormente i potenziali investimenti nell'innovazione dato che il furto di dati è diventato un problema che tocca il consiglio di amministrazione.

Il paradosso tra l'insufficienza di investimenti nell'innovazione da una parte e uno scenario economico complesso dall'altra spinge un maggior numero di aziende a spostare buona parte dei carichi di lavoro su fornitori di servizi cloud come Oracle, che spende in ricerca e sviluppo oltre 5 miliardi di dollari.

I manager aziendali dicono "Voglio spostare il rischio. Voglio spostare la complessità. Voglio spostare i costi" ha detto Hurd. "Voglio spostarli da un posto all'altro, ovvero da te a me".

Sicurezza nello stack cloud

"Negli ultimi cinque anni Oracle ha presentato oltre 3.500 applicazioni basate sul cloud e oltre 125 platform services cloud" ha dichiarato Hurd. "Dato che lavora con una sola versione del suo stack cloud, per Oracle è più semplice proteggere il cloud rispetto a quanto possono fare i clienti con i loro data center" ha aggiunto.

Mark Hurd

Uno scenario complesso unito alla forte esigenza di innovazione sta spingendo un numero sempre maggiore di aziende ad adottare il cloud" dice Mark Hurd, CEO di Oracle.

Questo trend è stato confermato dal sempre più alto numero di clienti Oracle che stanno passando a una soluzione cloud. Per alcuni, come Caesar’s Entertainment, lo spostamento del software di contabilità su Oracle Cloud ha permesso all'azienda di risparmiare "milioni e milioni di dollari" secondo quanto dichiarato dal CEO di Caesar’s Mark Frissora, che è apparso in una trasmissione video durante l'intervento.

Per Bloom Energy, un fornitore di tecnologia verde con celle a combustibile, il software finanziario e di pianificazione basato sul cloud di Oracle è stato fondamentale per permettere all'azienda di scalare in base alla crescita. Secondo quanto rivelato dal CFO Randy Furr questa azienda nata otto anni fa ha tra i propri clienti un quarto delle aziende che fanno parte della classifica di Fortune 100. "Grazie all'applicazione Oracle Cloud l'azienda ha sfruttato dati più tempestivi e precisi che ci hanno aiutato a supportare la crescita " ha detto Furr che si è unito a Hurd sul palco dell'Oracle OpenWorld.

Per Gap, Inc, che vanta circa 1.300 negozi in oltre 90 paesi, Oracle Retail Cloud ha permesso di offrire una customer experience unificata nei diversi negozi e un'unica esperienza di ecommerce per tutti i brand che includono Banana Republic, Gap, Old Navy e Intermix.

"Lo usiamo come se fosse un'arma strategica" ha detto Paul Chapman, EVP e CIO di Gap, nel corso di una conversazione con Hurd.

Le aziende stanno spostando le attività di sviluppo e test delle applicazioni sul cloud a un ritmo del 20% l'anno, mentre il numero dei data center aziendali è sceso di oltre il 15% durante lo scorso anno.

Chapman ha scherzato dicendo che voleva che Gap mettesse le toppe ai giacconi sportivi e non ai sistemi IT. "Dobbiamo lasciare questa attività ad altri" ha aggiunto.

AI ovunque

Questo sentimento sta animando un numero sempre maggiore di clienti e per delle buone ragioni. Il budget che Oracle dedica alla ricerca e allo sviluppo non viene destinato soltanto alla creazione di sistemi cloud più affidabili e sicuri, ma anche all'uso di strumenti innovativi come l'intelligenza artificiale che i clienti possono utilizzare per sfruttare ulteriormente l'offerta tecnologica di Oracle e favorire la crescita della propria azienda.

Alla fine, il fenomeno a cui assisteremo sarà quello dell'integrazione diretta dell'AI all'interno di ognuno di questi casi di lavoro e utilizzo" ha detto Hurd. "Infrastruttura, piattaforma, applicazioni vengono scalate e ottimizzate, sviluppate su standard, costano meno, promuovono un livello maggiore di innovazione e sono più sicure perché dotate di tutte le nuove funzionalità che vengono integrate direttamente all'interno di Oracle Cloud.

Per saperne di più


Safe Harbor
Le informazioni riportate sopra hanno lo scopo di illustrare la nostra direzione di prodotto generale. Sono fornite a puro titolo informativo e non possono essere inserite in nessun contratto. Non rappresentano alcun impegno a fornire materiale, codice o funzionalità e non dovrebbero essere utilizzate per prendere decisioni di acquisto. Lo sviluppo, il rilascio e le tempistiche di qualsiasi caratteristica o funzionalità descritta per i prodotti Oracle rimangono a unica discrezione di Oracle Corporation. Si applicano costi per le nuove offerte dei prodotti database.

Le affermazioni presenti in questo articolo relative ai piani futuri, alle aspettative, alle opinioni e alle intenzioni di Oracle sono dichiarazioni previsionali e sono pertanto soggette a rischi materiali e incertezze. Tali dichiarazioni si basano sulle aspettative e sulle assunzioni attuali di Oracle e alcune di esse sono indipendenti dal suo controllo. Tutte le informazioni presenti in questo articolo sono aggiornate al 2 ottobre 2017 e Oracle non si assume l'obbligo di aggiornare le dichiarazioni fatte alla luce di nuove informazioni o di eventi futuri.