Spiacenti, impossibile trovare dei risultati che corrispondono alla tua ricerca.

È consigliabile provare quanto segue per riuscire a trovare quello che stai cercando:

  • Controlla l'ortografia della ricerca per parola chiave.
  • Utilizza sinonimi per la parola chiave digitata, ad esempio prova “applicazione” anziché “software”.
  • Inizia una nuova ricerca.
Contattaci Registrati su Oracle Cloud

Sviluppo delle applicazioni moderne

Le applicazioni moderne sono difficili da creare. Gli strumenti, i vincoli e le possibilità stanno cambiando troppo velocemente. Oracle presenta un framework per lo sviluppo di applicazioni che semplifica il processo decisionale dell'architettura per creare ed eseguire applicazioni altamente disponibili, resilienti, completamente sicure e conformi utilizzando un set di principi di progettazione e suggerimenti tecnologici.

Sai già cosa stai cercando di fare? Vai direttamente alla nostra libreria di architettura

Requisiti fondamentali

Requisiti comuni applicabili a qualsiasi applicazione moderna.


Sicurezza e compliance

Allinea i criteri di sicurezza alle best practice del settore e applicali ai livelli dello stack di applicazioni. Garantisci la riservatezza e l'integrità dei dati. Utilizza la gestione dei privilegi per identificare e gestire gli utenti che possono eseguire determinate attività. Facilita il rilevamento e la diagnosi degli eventi di sicurezza.


Disponibilità

Rendi le applicazioni disponibili 24 ore su 24, 7 giorni su 7, 365 all'anno senza tempi di inattività, pianificati o meno.


Scalabilità

Ridimensiona in modo graduale da decine a migliaia di utenti e gestisci volumi crescenti di dati senza dover riprogettare l'applicazione in futuro.


Performance

Offri la latenza più bassa e il throughput più alto necessari per garantire la migliore user experience possibile.


Agilità

Sfrutta i moderni strumenti e metodi di automazione per i processi di creazione e distribuzione. Evita i punti critici causati dalla necessità di attività manuali.


Osservabilità

Registra le metriche delle prestazioni e monitora le prestazioni di sistema per qualsiasi deterioramento. Consenti ai team di generare automaticamente alert quando queste misurazioni non rientrano nei limiti previsti.


Resilienza

Quando si verificano dei problemi, assicurati che le applicazioni vengano recuperate in modo corretto, ripristina rapidamente le funzionalità perse, previeni la perdita di dati e non influire negativamente sulla user experience.


Ottimizzazione dei costi

Effettua l'esecuzione al minor costo totale possibile, bilanciando tutti gli altri requisiti.


Portabilità

Assicurati che l'architettura delle applicazioni aderisca agli standard aperti che semplifichino la migrazione da ambienti on-premise al cloud o tra fornitori.

    Principi di progettazione

    Best practice che governano le architetture delle applicazioni.

     

    Apri tutto Chiudi tutto

  • Usa piattaforme low-code, se possibile; in alternativa, utilizza linguaggi di programmazione maturi e framework leggeri

    Panoramica
    I linguaggi e i framework di programmazione che adotti per creare la tua applicazione svolgono un ruolo fondamentale nel processo di consegna e manutenzione dell'applicazione nel corso del tempo. Le scelte dei linguaggi e di framework hanno conseguenze a lungo termine su come scalare il tuo business, gestire le tue app e offrire ai tuoi clienti funzionalità di alta qualità. Le modifiche al linguaggio al framework sono in genere costose. Il supporto di ecosistemi multipli e paralleli di linguaggi e framework aggiunge complessità e riduce l'agilità.

    La scelta del linguaggio e del framework ha un impatto su una serie di fattori, tra cui la velocità di consegna, la stabilità e la forza dell'ecosistema esistente, la disponibilità operativa e le prestazioni di produzione. Utilizza piattaforme low-code quando possibile per concentrarti sulla risoluzione dei problemi aziendali invece di far fronte alle complicazioni dello sviluppo tradizionale. Se le esigenze della tua app sono più complesse, scegli linguaggi maturi e framework leggeri.

    Dettagli chiave
    Le piattaforme low-code ti consentono di creare, testare e implementare le applicazioni aziendali più rapidamente rispetto alla codifica manuale tradizionale. Queste piattaforme sono adatte per creare applicazioni opportunistiche in collaborazione con gli stakeholder aziendali, creare applicazioni di reporting e analytics, estendere applicazioni SaaS e modernizzare le applicazioni legacy. Questo approccio consente di evitare complicazioni quali visualizzazione dei dati, raccolta dei dati, analytics dei dati, sicurezza, accessibilità, prestazioni e globalizzazione. Una piattaforma low-code riduce notevolmente queste complicazioni e riduce drasticamente la quantità di codice che gestisci.

    Tuttavia, se la tua app ha requisiti più sofisticati, scegli un linguaggio di programmazione maturo associato a un framework leggero. Quando scegli un linguaggio di programmazione, selezionane uno che ti offra vantaggi quali:

    • Sicurezza
    • Prestazioni ed efficienza elevate
    • Supporto strumenti
    • Documentazione completa e aggiornata
    • Un ecosistema di librerie
    • Conformità a una suite di test o implementazione di riferimento
    • Una community solida

    I linguaggi più recenti tendono ad avere un tasso più elevato di cambiamento nella progettazione del linguaggio e nell'ecosistema e nelle librerie corrispondenti. Un tasso di cambiamento più elevato implica che è più difficile valutare il rischio e più costoso apportare modifiche successive.

    Quando scegli un framework, selezionane uno che sia open source. I framework open source sono sottoposti a una peer review continua. Ciò significa che le funzioni sono vicine a ciò che molti sviluppatori desiderano perché questi contribuiscono alla creazione e alla manutenzione dei framework. I bug vengono trovati e risolti rapidamente. Puoi inoltre selezionare un framework leggero che utilizza poche risorse, ad esempio CPU, memoria, larghezza di banda della rete o handle di file.

    Utilizza framework applicativi che migliorano il focus sui task (logica aziendale boilerplate e scaffolding) con flessibilità (per supportare le esigenze di funzionalità attuali e future). Adotta un framework che offra valori predefiniti intuitivi e non controversi per funzioni comuni quali registrazione, telemetria, sicurezza, configurazione e pattern comuni, ad esempio la creazione di interfacce API REST.

    Suggerimenti Oracle
    Oracle APEX è una piattaforma low-code che offre componenti di alto livello, quali form, grafici e widget dell'interfaccia utente. APEX fornisce inoltre pattern di progettazione comuni attraverso un ambiente di sviluppo grafico intuitivo. Le applicazioni sviluppate mediante APEX possono accedere ai dati locali tramite SQL e integrarsi con i servizi esterni utilizzando le API REST. Inoltre, puoi pubblicare la funzionalità sviluppata in APEX come API REST per utilizzo esterno.

    Se una piattaforma low-code è inappropriata per la tua applicazione, adotta Java come linguaggio di programmazione. Java offre un set di funzionalità ampio e stabile per la maggior parte dei casi d'uso delle applicazioni e dispone di un ecosistema sano di librerie e framework affidabili e stabili per lo sviluppo di applicazioni moderne. Il focus di Java sulla semplicità e sulla leggibilità, unito al supporto eccellente per gli strumenti di sviluppo, tra cui gli strumenti di analisi statica e i framework di test, riduce i costi di manutenzione del software e il rischio di bug nelle applicazioni di produzione.

    Utilizza GraalVM per sviluppare ed eseguire la tua applicazione. GraalVM è un JDK distribution che mette insieme la stabilità di Java e le migliori performance grazie a un'ottimizzazione dinamica del runtime, come pure l'applicazione frequente e proattiva delle patch alle vulnerabilità della sicurezza e l'analisi e gli strumenti diagnostici a basso costo come Java Flight Recorder.

    Crea le tue applicazioni con un approccio incentrato sulle API utilizzando il framework Helidon o Micronaut. Entrambi i framework offrono uno scaffolding che riduce notevolmente il tempo di consegna delle tue applicazioni e pattern intuivi per casi d'uso comuni, come le API REST, in base a un set di scelte framework semplici e non controverse per attività comuni quali registrazione, telemetria e storage. Entrambi i framework supportano servizi ad alte prestazioni tramite il supporto di I/O non bloccanti con API reattive idiomatiche e bassa latenza attraverso il supporto per le librerie di rete ad alte prestazioni.

    • Scegli Helidon MP per le applicazioni altamente allineate all'ecosistema Java aziendale ,ad esempio, CDI, JAX-RS o JPA. Il supporto basato sugli standard di Helidon per i moderni modelli aziendali Java tramite MicroProfile, semplifica la portabilità delle app Java EE esistenti sui microservizi.
    • Scegli Micronaut o Helidon SE per le applicazioni che non dipendono dall'ecosistema Java aziendale esistente. Lo scaffolding completo delle applicazioni di Micronaut aumenta le prestazioni delle applicazioni in fase di esecuzione e consente un controllo a livello di framework, in grado di eliminare molti problemi di sicurezza e qualità relativi alla riflessione e alla configurazione runtime.

    Sia Helidon sia Micronaut dispongono di un supporto integrato per le immagini native GraalVM, che consente di creare app compatte ed efficienti in termini di memoria.

  • Crea la tua applicazione sotto forma di suite di servizi che comunicano tramite API REST

    Panoramica
    Suddividi le funzioni e le attività dell'app in servizi a basso accoppiamento che funzionano insieme. Progetta ogni servizio con un ambito funzionale limitato che si focalizza su una caratteristica o capacità. Rispetto a un'architettura monolitica tradizionale, questo approccio migliora la manutenzione delle applicazioni, lo sviluppo di funzioni, i test, l'implementazione e la scalabilità.

    Adotta un approccio di progettazione API REST orientato verso il contratto per offrire interfacce chiare e comprensibili per la comunicazione con e tra i servizi. Un contratto API fornisce il meccanismo necessario per consentire ai team di collaborare e utilizzare le funzionalità senza dipendere dai dettagli interni dell'implementazione di un servizio. Ad esempio, un servizio può essere interamente a carico di un team di sviluppo che può migliorare liberamente la sua implementazione senza dover coordinare le dipendenze di codice con altri team di sviluppo.

    Dettagli chiave
    Inizia con un approccio orientato verso il contratto specificando l'API REST di un servizio. Quindi crea un prototipo di un'implementazione dell'API per permettere agli stakeholder, come i team che la utilizzeranno, di provarla. Quando tutti saranno concordi sui dettagli dell'API, i team indipendenti potranno lavorare in parallelo per implementare il servizio e altri servizi che lo consumeranno.

    Definire le applicazioni dei criteri per la sicurezza e i Service Level Agreement all'inizio del ciclo di vita del tuo prodotto per garantire che tutto sia chiaro riguardo agli aspetti del contratto di servizio.

    Tratta la tua specifica API come codice e gestiscila in un sistema di controllo delle versioni insieme al codice sorgente e alle configurazioni delle policy.

    Suggerimenti Oracle
    Specifica la tua API utilizzando il formato implementation-agnostic OpenAPI e archiviala in un repository fornito da OCI DevOps Service.

    Implementa i tuoi servizi utilizzando una struttura open source leggera, come Micronaut o Helidon.

    Implementa i tuoi servizi su piattaforme serverless come Oracle Container Engine for Kubernetes o Oracle Functions per una maggiore facilità di implementazione, scalabilità ed efficienza in termini di costi.

    Utilizza Oracle Cloud Infrastructure API Gateway per creare endpoint privati o pubblici protetti e gestiti dalla specifica delle API.

  • Crea package e implementa la tua applicazione come container

    Panoramica
    Un container impacchetta il codice e le relative dipendenze come un'unica unità, in modo da garantire un'esecuzione rapida e affidabile delle app su più ambienti di computazione. Una container image è un file che, quando viene eseguito, creerà e avvierà un container in un ambiente di computazione.

    Rispetto alle macchine virtuali tradizionali, i container sono più piccoli, richiedono meno risorse e tempi di avvio più rapidi. Sono inoltre indipendenti dalla piattaforma e possono eseguire le app ovunque. Per sfruttare questi vantaggi, scomponi le app in dei servizi che eseguono funzioni di business discrete e raggruppali in dei container. Per le applicazioni legacy, sostituisci gradualmente ogni funzione esistente nell'applicazione con un servizio containerizzato fino a quando non viene fatto il refactoring dell'intera app.

    Dettagli chiave
    Impacchettare il codice dell'applicazione e le dipendenze in un'unica unità eseguibile (una container image) significa che un containter è estremamente portatile. Grazie alla combinazione di questa portabilità con l'astrazione dell'infrastruttura, i container portano coerenza a livello operativo alle tue applicazioni. Sia che la tua applicazione sia in esecuzione on-premise su un server fisico o nel cloud su una macchina virtuale, essa produce gli stessi risultati ogni volta.

    Grazie a questa riproducibilità e prevedibilità coerenti, i container semplificano i processi DevOps e consentono ai tuoi team di sviluppo di implementare le tue app in modo più rapido. Fornendo l'isolamento a livello di processo e poiché vengono spesso sostituiti, i container semplificano e velocizzano i processi associati alle correzioni delle vulnerabilità del software. La suddivisione delle applicazioni in servizi in container modulari li rende inoltre molto robusti. Un errore in un singolo servizio non arresta tutta la tua applicazione e puoi aggiornare o applicare patch a ogni servizio indipendentemente dal resto di quest'ultima.

    A differenza di una macchina virtuale, un container non possiede un sistema operativo proprio, ma condivide il sistema operativo del proprio host. Per questo motivo, le dimensioni dei contenitori sono ridotte e il loro avvio è più rapido rispetto alle macchine virtuali. La maggior parte delle immagini dei container è composta da decine di megabyte rispetto alle macchine virtuali che possono essere di diversi gigabyte e il loro tempo di avvio è in secondi invece che in minuti.

    Il modo migliore per eseguire e ridimensionare la tua applicazione con servizi modulari nei container è distribuire un solo servizio per container. Questo approccio isola i servizi l'uno dall'altro, eliminando i tempi di inattività e garantendo una scalabilità indipendente per ciascun servizio.

    Sebbene sia possibile implementare i container manualmente, è preferibile utilizzare il software di gestione dei container integrato con gli strumenti di integrazione e implementazione continua.

    Suggerimenti Oracle
    Utilizza Oracle Cloud Infrastructure Registry (Container Registry) per la memorizzazione delle immagini dei container e Oracle Cloud Infrastructure Container Engine for Kubernetes (Container Engine) per l'esecuzione e la gestione dei container su larga scala. Questi servizi completamente gestiti sono strettamente integrati con varie funzionalità della piattaforma Oracle Cloud Infrastructure (OCI), sono disponibili in tutte le region di Oracle Cloud e soddisfano gli standard normativi quali PCI, ISO, SOC, HIPAA e FedRAMP.

    Oltre a memorizzare le immagini dei container in Container Registry, è possibile memorizzare le liste dei file manifest (a volte denominate immagini multi-architettura) per supportare più architetture, ad esempio ARM e AMD64. Per identificare e mitigare potenziali vulnerabilità della sicurezza, abilita la scansione delle immagini su tutte le immagini caricate in Container Registry. È inoltre necessario firmare le immagini dei container per assicurarsi che vengano distribuite solo immagini autorizzate e sicure in OKE.

  • Automatizza le attività di creazione, test e distribuzione

    Panoramica
    La continuous integration (CI) e il continuous deployment (CD) sono un set di strumenti e procedure utilizzati dai team di sviluppo per apportare modifiche al codice in modo frequente e affidabile. Le best practice CI/CD includono revisioni del codice e linee guida per il test delle unità, il test dell'integrazione, i check-in del codice, i ticket di archiviazione e la distribuzione delle applicazioni negli ambienti di sviluppo e test.

    Per continuous integration si intende una procedura in cui gli sviluppatori spesso integrano le modifiche al codice nel ramo principale di un repository condiviso. Le modifiche degli sviluppatori vengono convalidate mediante la creazione di una build e poi eseguendo test automatici sulla build. I test garantiscono che l'app non venga danneggiata ogni volta che vengono integrate nuove modifiche nel ramo principale.

    Fra i vantaggi della continuous integration vi sono:

    • Minor numero di bug portati alla produzione perché i test automatici identificano in anticipo gli errori di regressione
    • I problemi di integrazione vengono risolti in anticipo, semplificando il processo di costruzione
    • Gli errori vengono rilevati e individuati in modo più rapido e semplice (ogni modifica è solitamente di piccole dimensioni)

    La continuous delivery rappresenta il passaggio dopo la continuous integration; dopo aver superato i test appropriati, una build viene automaticamente portata a un ambiente di test e/o produzione. L'obiettivo della continuous delivery è di avere sempre una base di codice pronta per l'implementazione in un ambiente di produzione dei clienti.

    Fra gli ulteriori vantaggi della continuous delivery vi sono:

    • Minor tempo dedicato alla preparazione di una release da parte del tuo team grazie all'automazione di implementazioni complesse
    • Release più frequenti che velocizzano il ciclo di feedback dei clienti
    • Iterazione più rapida perché c'è meno pressione sulle decisioni per piccoli cambiamenti

    Il continuous deployment va un passo avanti rispetto alla continuous delivery; ogni modifica che supera tutti i test viene implementata automaticamente nell'ambiente di produzione del cliente. Non vi è nessun intervento umano: solo un test non riuscito può impedire l'implementazione di una nuova modifica alla produzione. Senza intervento umano, il continuous deployment si basa prevalentemente sull'automazione ben progettata dei test.

    Fra gli altri vantaggi del continuous deployment vi sono:

    • Maggiore velocità di sviluppo perché non è necessario fermarsi per release diverse
    • Aumento della soddisfazione dei clienti grazie a una migliore qualità e un flusso continuo di miglioramenti

    CI/CD forniscono le best practice per memorizzare, integrare, distribuire e gestire il codice in modo da automatizzare la modalità con cui si creano le applicazioni. Fra le best practice vi sono le seguenti:

    • Utilizza un repository di codici basato su Git per archiviare tutti i tuoi asset di codice. Utilizza un servizio artifact non modificabile per archiviare gli asset derivati.
    • Per implementare l'integrazione continua, unire tutto il codice in una diramazione " Release Candidate" almeno una volta al giorno. Quando si unisce il codice nella diramazione, assicurarsi che le build vengano attivate automaticamente. Nell'ambito della pipeline della build, esegui tutti i test di unità e correggi immediatamente gli errori della pipeline prima di intraprendere ulteriori sviluppi nella diramazione release candidate. Utilizza le scansioni di sicurezza sul codice per rilevare le vulnerabilità. Non archiviare nessun artifact che abbia un problema di vulnerabilità. Correggi tutte le vulnerabilità nella diramazione release candidate, prima di eseguire ulteriori attività di sviluppo.
    • Per implementare il continuous deployment, distribuisci automaticamente i release candidate in un ambiente di test o utilizza le implementazioni canary. Quando le distribuzioni dei test vengono superate, portali automaticamente in produzione completa. Se le implementazioni test falliscono, risolvi immediatamente i problemi prima di intraprendere ulteriori sviluppi nella diramazione release candidate. Utilizza le funzioni di sicurezza durante le distribuzioni per impedire la distribuzione nell'infrastruttura di artifact non autorizzati e vulnerabili.
    • Nell'ambiente di produzione utilizza gli strumenti di monitoraggio per valutare lo stato delle applicazioni distribuite e rilevare eventuali vulnerabilità successive alla distribuzione. Se vengono rilevati problemi, implementa il rollback automatico alla versione precedente. Esegui i controlli di sicurezza nell'ambiente successivo alla distribuzione e risolvi immediatamente qualsiasi problema riscontrato.

    Suggerimenti di Oracle
    Utilizza servizio DevOps per automatizzare la distribuzione delle applicazioni cloud native. Prima di tutto, memorizza il codice in un repository di codici DevOps e crea una diramazione di rilascio. Lavora con piccoli incrementi per apportare modifiche alla diramazione di rilascio e risolvere ogni giorno i problemi nella diramazione in modo da garantire la sua stabilità. Dopo di che utilizza la funzionalità di attivazione nel repository di codici per avviare automaticamente una pipeline di creazione DevOps.

    Utilizza una singola pipeline di creazione DevOps per creare tutti gli artifact associati al repository di codici. Se la build non riesce, configurare la pipeline di build in modo che rimanga in attesa di approvazione prima del completamento. La richiesta di approvazione deve andare al commit che ha attivato la build e deve risolvere il problema con un nuovo commit di codice e quindi approvare il completamento della build. Per le build andate a buon fine, configurare la pipeline di build in modo da distribuire automaticamente gli artifact al servizio Oracle Cloud Infrastructure Artifacts Registry e attivare automaticamente una pipeline di distribuzione DevOps.

    Utilizza Resource Manager per creare tutti gli ambienti dell'infrastruttura in una zona di sicurezza massima in modo da trarre beneficio dalla sicurezza dell'implementazione. Grazie a Resource Manager, puoi utilizzare infrastructure-as-code per automatizzare in modo coerente la creazione dell'infrastruttura in tutte le tue region. Successivamente, puoi configurare la pipeline di implementazione DevOps affinché venga sempre implementata nelle risorse create nella zona di sicurezza.

    Crea una singola pipeline di distribuzione DevOps che distribuisca tutti gli artifact creati da una singola pipeline di build. Organizza gli ambienti di implementazione, come la region OCI, il dominio di disponibilità e il dominio di errore. Configura la pipeline con una strategia di implementazione canary, rolling o blue-green. Configuralo anche per attivare i test automaticamente. Abilita OCI Monitoring e Application Performance Monitoring nell'applicazione e nell'infrastruttura per rilevare i problemi.

    Se non vengono rilevati problemi e i test vengono completati correttamente, configurare la pipeline di distribuzione per distribuire automaticamente gli artifact nell'ambiente successivo nella strategia di distribuzione fino a quando gli artifact non vengono distribuiti completamente in tutti gli ambienti di produzione. Quando si esegue la distribuzione nell'ambiente di produzione, configura la pipeline per la distribuzione a tutti i domini di errore in un solo dominio di disponibilità uno alla volta. Implementa su ogni dominio di disponibilità in una region alla volta e, poi, su ogni region, una alla volta. Continua a utilizzare OCI Monitoring e Application Performance Monitoring nell'applicazione e nell'infrastruttura per rilevare rapidamente i problemi. Imposta gli avvisi e, se eventuali metriche chiave vengono improvvisamente eliminate durante la distribuzione, la distribuzione viene interrotta automaticamente e viene attivato il rollback alla versione precedente.

  • Utilizza servizi gestiti per eliminare la complessità di sviluppo e delle attività operative delle applicazioni

    Panoramica
    Un servizio gestito fornisce funzionalità specifiche senza dover eseguire task di manutenzione correlati all'ottimizzazione di prestazioni, disponibilità, scalabilità, sicurezza o upgrade. Con un servizio gestito, puoi dedicarti all'offerta di funzionalità per i tuoi clienti invece di preoccuparti della complessità delle operations.

    Un servizio gestito Oracle Cloud Infrastructure (OCI) fornisce un componente scalabile e sicuro per lo sviluppo nativo del cloud. Utilizza servizi gestiti per sviluppare ed eseguire la tua applicazione e memorizzarne i dati; ottieni soluzioni avanzate evitando di dover ricorrere a competenze in ogni dominio per creare e utilizzare l'applicazione.

    Dettagli chiave
    I servizi gestiti per creare applicazioni altamente disponibili, scalabili, agili e performanti con sicurezza, compliance e resilienza.

    I servizi gestiti estraggono la complessità dei componenti sottostanti della tua app, facilitando l'archiviazione e il recupero dei dati o la creazione e l'esecuzione delle tue applicazioni. I servizi si integrano con i set di strumenti che forniscono la creazione, l'implementazione e i test automatizzati dell'applicazione. I servizi gestiti migliorano la produttività e riducono il time-to-market.

    I servizi gestiti centralizzano e automatizzano varie attività di gestione dell'infrastruttura, eliminando gli errori umani e l'esigenza di competenze specialistiche. L'infrastruttura sottostante è messa in sicurezza e aggiornata costantemente, e i servizi ti consentono di monitorare e tracciare le modifiche o l'accesso, garantendo la riservatezza e l'integrità delle tue applicazioni e dei dati.

    I servizi gestiti sono altamente disponibili e scalabili e soddisfano le esigenze della tua app; inoltre, paghi solo per ciò che utilizzi. Puoi iniziare in piccolo e poi calare senza compromettere le prestazioni o l'affidabilità.

    Consigli Oracle
    Ti consigliamo i seguenti servizi cloud:

    • Oracle Autonomous Database per gestire i dati per il data warehouse o l'elaborazione delle transazioni. Autonomous Database offre database in-memory, NoSQL e SQL con un vantaggio autonomo per ridurre il carico di lavoro della gestione.
    • Oracle Cloud Infrastructure Container Engine for Kubernetes per creare, eseguire e gestire i tuoi container.
    • Oracle Functions per creare, eseguire e ridimensionare applicazioni che vengono eseguite per brevi periodi in modo sicuro e isolato senza gestire alcuna infrastruttura.
    • Oracle API Gateway per creare endpoint privati o pubblici protetti e gestiti dalle tue specifiche API.
    • Oracle Cloud Infrastructure Object Storage per memorizzare o recuperare una quantità illimitata di dati non strutturati di qualsiasi tipo di contenuto. Si ridimensiona senza problemi e non subisce cali di prestazioni o affidabilità dei servizi.
    • I servizi Oracle Cloud Observability and Management Platform si integrano con tutti i servizi menzionati in precedenza per consentire la visibilità su registri, parametri ed eventi.
    • Oracle Application Express (APEX) per costruire applicazioni low-code moderne e data-driven. APEX è in grado di ottimizzare la disponibilità e la scalabilità per gestire le esigenze in continua evoluzione della tua applicazione low-code. Offre gestione automatizzata, prestazioni elevate costanti, scalabilità automatica e facile amministrazione.

    Questi servizi sono ad alta disponibilità, altamente performanti ed elastici. L'infrastruttura sottostante viene gestita e patchata per garantire che la tua applicazione rimanga sicura.

  • Mantieni il livello dell'applicazione senza conservazione dello stato

    Panoramica
    Lo stato di un'applicazione può essere costituito da numerosi elementi, tra cui le cache di dati, le preferenze di un utente, la personalizzazione, i messaggi scambiati tra i servizi, la posizione in un flusso di lavoro a più passaggi, l'implementazione di applicazioni, la configurazione di runtime e la sessione di un utente (ad esempio la pagina visitata da un utente per l'ultima volta o la dimensione e gli elementi nel carrello di un utente). Se lo stato dell'applicazione viene perso, può causare la perdita di dati, un malfunzionamento nell'applicazione, un'esperienza utente non ottimale e, talvolta, un arresto completo dell'applicazione.

    Se memorizzi lo stato della tua applicazione nei file system locali o nella memoria di un singolo host, potrebbe andare perso in caso di indisponibilità dell'applicazione, ad esempio in caso di riavvii o errori su disco localizzati. Piuttosto, salva lo stato nelle aree di memorizzazione di persistenza esterna. Usa il minor numero possibile di aree di memorizzazione di persistenza; idealmente, usane solo una per garantire la coerenza dei dati.

    Dettagli chiave
    Gli elementi dello stato di un'applicazione vengono tradizionalmente memorizzati come artifact multipli in vari formati, ad esempio oggetti serializzati, documenti JSON o XML o file di testo. Se questi elementi vengono archiviati in più aree di memorizzazione di persistenza, ad esempio file system esterni, aree di memorizzazione dei messaggi, aree di memorizzazione degli oggetti, più database o storage a blocchi elastico, è possibile che i vari data store escano dalla sincronizzazione e producano incoerenze di stato. Un'app deve inoltre implementare transazioni, join e idempotency per garantire la coerenza dei dati quando lo stato deve essere aggiornato come unità.

    Diffondendo elementi dello stato di un'applicazione in più aree di memorizzazione, aumentano le potenziali vulnerabilità nella sicurezza. Operazioni relative al ciclo di vita, come l'aggiunta e la rimozione di nodi, l'applicazione di patch, il backup e il recupero e la replica per errori irreversibili e il recupero, sono estremamente complesse e richiedono un controllo speciale per mantenere la coerenza dello stato in varie aree di memorizzazione.

    Per questo motivo, un approccio migliore consiste nel memorizzare tutti i dati dello stato e dell'applicazione in un unico database, se possibile. I dati rimangono coerenti in una singola area di memorizzazione ed è più facile da gestire. Con questo approccio, è possibile sostituire le istanze dell'applicazione. Ciò risulta particolarmente utile per le architetture applicative moderne, quali microservizi elastici o istanze effimere, in cui un'istanza esiste solo per servire una singola o poche richieste. L'aggiunta di un nodo è semplificata perché un nuovo nodo può ottenere la copia più recente dello stato e la rimozione di un nodo non comporta la perdita totale dello stato. Le patch possono essere applicate in sequenza solo sostituendo gli eseguibili. Un nodo può essere ripristinato dai backup e acquisire lo stato dal database. Lo stato può essere replicato in modo coerente come unità in aree diverse per il recupero da disaster recovery. La presenza di uno stato coerente in diverse aree può garantire che non ci saranno problemi funzionali nell'applicazione dopo un failover o lo switchover.

    Suggerimenti Oracle
    Se la tua applicazione utilizza un database, usa lo stesso database per memorizzarne lo stato. Un database garantisce maggiore disponibilità, integrità e sicurezza rispetto alle alternative, come file o rappresentazioni in-memory. Idealmente, utilizza un database multi-modello (che può memorizzare formati diversi) per memorizzare tutti gli elementi dello stato della tua applicazione. L'utilizzo di un database multi-modello anziché di più data store monouso consente inoltre di ottenere e mantenere la coerenza tra tutti gli elementi dell'applicazione in modo semplice. (Nota: sebbene sia consentito memorizzare lo stato inserito nella cache nell'app, l'app deve essere progettata per utilizzare il database come fonte di verità e per ricreare il suo stato dal database.) Oracle Database è la soluzione ideale per questo scopo. Memorizza formati diversi e offre prestazioni prevedibili, quindi memorizzarvi lo stato dell'applicazione non riduce le prestazioni dell'applicazione.

    Se la tua app non utilizza un database, considera altre aree di memorizzazione di persistenza durature come Oracle Cloud Infrastructure Object Storage per memorizzare lo stato. Se lo stato dell'applicazione non può essere conservato in un singolo data store, progetta l'applicazione per memorizzare lo stato in più data store che possono essere mantenuti sincronizzati e recuperati come unità coerente dopo un errore.

    Di seguito sono riportati alcuni suggerimenti per la memorizzazione dello stato in un Oracle Database.

    • Stato oggetto sessione utente: utilizzare JSON mapping, oggetto/relazione, ad esempio JPA o tabelle relazionali.
    • Cache di dati locali: per i dati inseriti nella cache nel livello applicazione, la fonte di informazioni dovrebbe essere il database. Le cache devono essere ricreate al momento dell'avvio dell'app o in base alle esigenze. Gli aggiornamenti alle cache devono utilizzare il metodo write-behind, che aggiorna il database back-end. Le modifiche apportate alle altre istanze della cache nelle istanze dell'applicazione devono essere notificate in modo da poter aggiornare le cache.
    • Dati di configurazione dell'app: si tratta di artifact quali endpoint di connessione, limiti, livelli di log, destinazioni di log e numeri di porta in genere memorizzati come documenti JSON, file XML o file delle proprietà. Utilizza il tipo di dati appropriato per memorizzare questi dati in un database.
    • Comunicazione interna o chiamate di processo remoto: in genere, i microservizi e i componenti dell'applicazione comunicano tra loro utilizzando messaggi. Utilizza le code delle transazioni di Oracle Database per rendere duraturi questi messaggi e per garantire che sopravvivano e che siano elaborati in caso di indisponibilità.
    • Testo (ad esempio i record di log di audit): le applicazioni generano file di log quali i log di audit e i log di diagnostica. Utilizza la funzionalità Oracle Text per memorizzare centralmente questi log.
    • Monitoraggio delle prestazioni: le applicazioni generano parametri o dati di serie temporale a scopo di monitoraggio delle prestazioni. Utilizza i dati della serie temporale di Oracle Database o la funzionalità dati JSON per memorizzare tali dati.
    • Stato del flusso di lavoro: alcuni motori del flusso di lavoro memorizzano localmente lo stato dell'applicazione e il failover di tali flussi di lavoro può determinare una perdita di stato. Utilizza il motore del flusso di lavoro nel database per evitare questi problemi. Configura almeno i motori del flusso di lavoro per utilizzare il database come area di memorizzazione di persistenza per il relativo stato.
  • Utilizza un database convergente con il supporto completo di tutte le funzionalità su tutti i dati

    Panoramica
    L'applicazione potrebbe utilizzare i dati in vari formati, ad esempio in formato tabulare (relativo), non strutturato, XML, JSON, spaziale o grafico. Tradizionalmente, questa varietà richiedeva un tipo di database diverso per ogni formato di dati. Ad esempio, un database relazionale per i dati relazionali, un'area di memorizzazione documenti per i dati non strutturati o un database grafico per i dati collegati gerarchici. Tuttavia, l'uso di più database spesso porta a una maggiore complessità operativa e all'incongruenza dei dati. Utilizza, invece, un unicoo database multi-modello per memorizzare, indicizzare e cercare più tipi e formati di dati.

    Sfrutta le funzionalità del database per semplificare la logica della tua app. Utilizza, ad esempio, SQL per query, join e analisi; utilizza le transazioni per garantire coerenza e isolamento; e utilizza algoritmi di Machine Learning integrati e funzionalità di analitica per evitare inutili trasferimenti di dati. Per proteggere i dati riservati, utilizza le funzioni di sicurezza del database e il controllo dell'accesso, nonché utilizza la replica per migliorare la disponibilità, la scalabilità e la resilienza delle applicazioni.

    Dettagli chiave
    Utilizza un database multi-modello e convergente per memorizzare diversi tipi di dati quali documenti JSON, grafici delle proprietà e dati relazionali. I database multi-modello avanzati offrono il supporto completo di qualsiasi tipo di dati memorizzati nel database. È possibile memorizzare un nuovo documento JSON, inserire righe relazionali e aggiornare un grafico delle proprietà all'interno della stessa transazione ACID. È possibile utilizzare le istruzioni SQL per unire, filtrare e aggregare questi diversi tipi di dati, garantendo maggiore coerenza e garanzie di concorrenza da parte dei database relazionali. Oltre a offrire questa ricca serie di funzioni, un database multi-modello può essere utilizzato anche come data store monouso a cui è si accede utilizzando API naturali diverse da SQL, come API REST, API dell'area di memorizzazione dei documenti e API grafiche.

    Il vantaggio principale dell'utilizzo di un database multi-modello è la possibilità di riutilizzo. Sebbene i dati possano essere di tipi e forme diversi, la tecnologia di base per gestire tali dati non cambia. Ciò significa che non devi imparare ad usare diverse tecnologie di database e capire come usarle e sintonizzarle per ogni tipo di dati. E poiché la tecnologia rimane costante, non devi riscrivere il codice della tua applicazione. Inoltre, un database multi-modello migliora la resilienza della tua applicazione riducendo la frammentazione dei dati, semplificando così il backup e il ripristino.

    Suggerimenti di Oracle
    Utilizza Oracle Autonomous Database, un database convergente multi-modello, per memorizzare, gestire e analizzare tutti i tuoi dati. Semplifica la manutenzione dell'applicazione utilizzando le viste per esporre i dati nelle tabelle in modo che lo schema di base possa essere modificato senza influire sulle tue applicazioni esistenti. Utilizza la ridefinizione basata su edizioni per aggiornare l'applicazione senza tempi di inattività. Utilizza Oracle Data Safe per implementare e valutare i controlli di sicurezza, mascherare i dati riservati e gli accessi ai dati di audit. Utilizza Oracle Data Guard come cache di lettura altamente scalabile per i tuoi dati e per mantenere un backup coerente per il recupero da errori irreversibili.

    Oracle Autonomous Database esegue attività operative senza alcun impatto o interruzione del suo carico di lavoro. Ciò significa che non è necessario aggiungere una logica di compensazione complessa all'applicazione per gestire gli scenari di ridimensionamento o di failover. Il database gestisce le risorse come la CPU e lo storage in modo indipendente e fornisce una scalabilità bidirezionale elastica..

  • Monitoraggio e trace end-to-end degli strumenti

    Panoramica
    Una singola richiesta utente può seguire un percorso complesso tra più servizi o microservizi che compongono un'applicazione moderna. Il tracing end-to-end segue il percorso di ogni richiesta dalla sua origine alla profondità dell'infrastruttura e ti aiuta a eseguire il debug della causa principale di un problema. Il monitoraggio viene generalmente utilizzato come strumento diagnostico e avvisa gli sviluppatori quando l'applicazione non funziona come previsto.

    Gli sviluppatori, gli amministratori e i responsabili della sicurezza devono avere una comprensione autorevole e tempestiva dello stato di salute, delle prestazioni, dello stato operativo e dei possibili incidenti di sicurezza di un'applicazione. Tale comprensione garantisce che la funzione e le prestazioni di un'applicazione soddisfino le aspettative durante il suo ciclo di vita; inoltre semplifica la diagnosi degli incidenti e il ripristino delle applicazioni. Il monitoraggio e il tracing end-to-end completi devono essere semplici da implementare e gestire, senza aggiungere complessità alla tua app.

    Dettagli chiave
    La tua applicazione può non funziona come previsto in molti modi: ad esempio, può essere poco performante o non funzionare affatto. A differenza di un'applicazione monolitica tradizionale, un'applicazione creata da microservizi presenta ulteriori problemi diagnostici a causa delle molteplici interazioni tra i suoi componenti.

    Il tracing è il modo migliore per comprendere rapidamente cosa accade a una richiesta utente durante il viaggio attraverso i microservizi e altri componenti (ad esempio l'infrastruttura) che compongono l'applicazione. Utilizza la funzione di tracing end-to-end per raccogliere i dati su ciascuna richiesta dell'utente, quindi esamina i dati per verificare la posizione in cui l'applicazione potrebbe stare sperimentando colli di bottiglia o latenze. Ad esempio, una richiesta può fare la spola attraverso più microservizi prima di essere soddisfatta. Senza un modo per tracciare l'intero percorso di una richiesta, non c'è modo di determinare la causa principale del suo fallimento.

    Il monitoraggio è generalmente molto più diretto, migliorando la comprensione del comportamento dell'applicazione mediante lo strumento dell'applicazione e poi la raccolta, l'aggregazione e l'analisi dei parametri. Il monitoraggio end-to-end consente anche un'integrazione intelligente e automatizzata con strumenti per regolare dinamicamente la capacità delle risorse e coordinare le risposte agli eventi imprevisti.

    Avere una comprensione chiara, accurata e tempestiva dello stato operativo e della storia di un'applicazione non significa solo misurare l'esperienza di un utente finale. Potrebbe inoltre essere necessario mantenere la compliance con le giurisdizioni regionali o nazionali, le quali potrebbero richiedere la possibilità di generare, su richiesta, report di attività dettagliati o attestati sulla gestione di specifici dati sensibili.

    In generale, le soluzioni di monitoraggio devono essere compatibili con gli strumenti di terze parti e in linea con gli strumenti amministrativi dell'ambiente. È importante mantenere la flessibilità di progettazione ed evitare accordi lock-in con i fornitori.

    Consigli Oracle
    Crea funzionalità complete di monitoraggio e tracciabilità nella tua applicazione fin dall'inizio, mantenendole coerenti durante tutto il suo ciclo di vita. Le funzionalità dovrebbero essere semplici da implementare e gestire senza aggiungere complessità a sviluppo, test e implementazione. Ove possibile, adotta soluzioni che si estendono per soddisfare la diversità delle piattaforme attualmente utilizzate e che potrebbero essere implementate in futuro.

    I servizi Oracle Cloud Infrastructure (OCI), come Monitoring, sono progettati per fornire supporto integrato per il monitoraggio. Inoltre, puoi estendere molti servizi OCI ai componenti della tua applicazione utilizzando un'esperienza di distribuzione e gestione coerente tramite API e SDK supportati. Ad esempio, puoi aggiungere la raccolta automatica delle metriche di monitoraggio o l'acquisizione dei log con lo storage centralizzato per tutte le tue macchine virtuali e applicazioni.

    Durante lo sviluppo e il test, puoi configurare i servizi per raccogliere solo informazioni di base sul debug o sul test delle prestazioni. Quando la tua applicazione si avvicina alla distribuzione di produzione, aumenta l'ambito, la frequenza e la tracciabilità delle informazioni raccolte effettuando semplici aggiornamenti dei parametri di configurazione esistenti.

    Utilizza una raccolta dei dati solida e centralizzata per l'intero ambiente della tenancy cloud in modo da fornire una singola posizione per l'analisi, l'indagine coordinata e la generazione di alert. Service Connector Hub consente risposte flessibili, coerenti e personalizzabili agli eventi. Logging Analytics consente l'analisi e l'indagine efficienti su tutti i sistemi di log degli eventi cloud (e quelli esterni). Inoltre, puoi utilizzare Service Connector Hub, Oracle Functions e Oracle Notifications per trasformare le metriche e i log inclusi in alert da cui è possibile intraprendere azioni. Puoi anche trarre vantaggio dalle nostre integrazioni con prodotti e servizi di terze parti, come Splunk e Grafana.

    I seguenti servizi OCI consentono di potenziare i log, il monitoraggio e il trace negli ambienti che ospitano le applicazioni: Logging, Monitoring, Logging Analytics, Application Performance Monitoring, OS Management; Database Management e Java Management. Questi servizi completamente gestiti sono integrati con le risorse comuni dell'infrastruttura OCI e forniscono meccanismi supportati per l'integrazione delle risorse personalizzate dell'applicazione.

  • Elimina un singolo punto di errore grazie alla replica automatizzata dei dati e al recupero dagli errori

    Panoramica
    Un punto di errore è un componente di un'applicazione che, in caso di errore, rende l'intera applicazione non disponibile o inaffidabile. Quando si sviluppa un'applicazione ad alta disponibilità e affidabilità, utilizza la replica dei dati automatizzata per garantire che il guasto di un singolo componente non comporti la perdita dei dati.

    La replica dei dati tra i vari computer e l'uso del networking ridondante proteggono dagli errori di routine dei computer e della rete. La replica dei dati nei data center (o "domini di disponibilità") in più aree geografiche ti protegge da disastri localizzati, come incendi, terremoti, inondazioni o uragani.

    Dettagli chiave
    Affinché la tua applicazione raggiunga l'alta disponibilità, è necessario assicurarsi che i dati da cui dipende l'applicazione rimangano disponibili quando si verificano errori. Il segreto per l'alta disponibilità dei dati è la ridondanza tramite la replica automatizzata dei dati.

    La replica è il processo di copia e gestione degli oggetti di database, ad esempio le tabelle, in più database che costituiscono un sistema di database distribuito. Le modifiche applicate in un sito vengono acquisite e memorizzate localmente prima di essere inoltrate e applicate in ciascuna replica situata in luoghi in remoto.

    I database replicati possono funzionare in due modalità diverse: attivo-passivo e attivo-attivo. In modalità attivo-passivo, è presente una singola replica primaria e una o più repliche secondarie; solo la replica primaria partecipa all'elaborazione dei dati dell'applicazione. In modalità attiva-attiva tutte le repliche partecipano all'elaborazione dei dati. La modalità attiva-attiva garantisce un migliore utilizzo delle risorse e una maggiore disponibilità in quanto non è necessario un failover primario-secondario.

    La ridondanza garantisce che le repliche dei dati non funzionino in modo indipendente. Gli errori del computer o del disco sono in genere indipendenti, ma un guasto alla rete o all'alimentazione potrebbe causare il guasto simultaneo di un gruppo di computer. Per proteggersi da tali incidenti, l'infrastruttura di rete e l'infrastruttura di alimentazione devono anche essere ridondanti e le repliche dei dati devono essere posizionate attentamente tra macchine e luoghi diversi che non possono guastarsi insieme.

    Consigli Oracle
    I data center Oracle Cloud Infrastructure (OCI) sono progettati con attenzione per eliminare singoli punti di guasto irreversibile. Un data center tipico o dominio di disponibilità contengono più unità guasti indipendenti, note come domini di errore. Due domini di errore indipendenti non possono guastarsi insieme. In modo analogo, una singola area può disporre di più domini di disponibilità, separati geograficamente per impedire che due di essi possano guastarsi contemporaneamente.

    Utilizza i servizi di storage OCI quali Block Volumes, Object Storage e File Storage, per replicare i dati tra i domini di errore e disponibilità, in modo che nessun singolo errore possa influire sulla disponibilità dei dati della tua applicazione. Sfrutta l'isolamento degli errori resiliente integrato in OCI utilizzando Container Engine for Kubernetes per implementare l'applicazione su più domini di errore e disponibilità. Oracle Autonomous Database, Data Guard e GoldenGate offrono la replica di hardware e software attiva-attiva per l'alta disponibilità e l'applicazione di patch e aggiornamenti senza tempi di inattività. Utilizza questi servizi gestiti per dati ad alta disponibilità evitando di dover creare e gestire la tua infrastruttura di storage.

  • Implementa una difesa automatizzata in profondità per proteggere l'applicazione e i suoi dati

    Panoramica
    La difesa avanzata è un approccio in cui più controlli di sicurezza indipendenti e ridondanti fungono da livelli di difesa per un'applicazione. I livelli sono progettati per garantire la sicurezza anche se uno di essi non fallisce: ad esempio, un firewall combinato con il rilevamento delle intrusioni.

    Tuttavia, la gestione e la configurazione manuale dei controlli di sicurezza possono essere complesse, opache e soggette a errori, individuali e collettivi. Proteggi invece l'applicazione e i suoi dati mediante controlli di sicurezza automatizzati.

    Dettagli chiave
    La difesa in depth gestisce i rischi utilizzando controlli diversi che coprono gli elementi fisici, tecnici, amministrativi, operativi, personale e procedurali della sicurezza. La loro indipendenza implica il fatto che forniscono una difesa profonda che gestisce i guasti, gli exploit o altre vulnerabilità della sicurezza. I controlli sono progettati per affrontare i rischi in modi diversi e fornire log, audit e altre funzioni per garantire che i tentativi di violazione della sicurezza vengano rilevati e segnalati agli stakeholder appropriati.

    Anziché configurare manualmente un set complesso di controlli di sicurezza, utilizza i controlli automatizzati semplici e prescrittivi per proteggere l'applicazione. I controlli di sicurezza automatizzati eliminano l'errore umano (la causa principale di molti incidenti di sicurezza) e ti aiutano a proteggere le tue applicazioni e i tuoi dati senza dover diventare un esperto di sicurezza.

    Consigli Oracle
    Implementa controlli di sicurezza automatici facili da usare in tutte le fasi del ciclo di vita dell'applicazione, inclusi sviluppo, creazione, test, implementazione e runtime. Verifica gli utenti, le autorizzazioni e i criteri di accesso in ogni fase del ciclo di vita e garantisci che l'accesso venga concesso solo quando necessario. Rileva problemi di sicurezza introdotti all'inizio del ciclo di vita dello sviluppo software. Il rilevamento preventivo garantisce che la tua applicazione venga implementata in produzione con best practice dell'architettura di sicurezza e che vengano rilevati e attenuati i problemi di sicurezza operativa causati da configurazioni errate o vulnerabilità rilevate.

    Oracle Cloud Infrastructure (OCI) offre diversi servizi di sicurezza automatizzati per proteggere le tue app e i suoi dati. Ecco alcuni suggerimenti per l'uso dei servizi OCI:

    • Utilizza Web Application Firewall (WAF) per limitare il traffico da posizioni sconosciute. Per la trasport layer security (TLS) utilizza i certificati per i load balancer e l'autorizzazione. Abilita WAF su ogni load balancer che gestisce il contenuto HTTPS. Abilita le regole gestite da Oracle e il tuning per i falsi positivi. Limita il traffico dai paesi con cui non intendi operare attraverso regole di accesso all'IP geografico. Utilizza l'intelligence sulle minacce in WAF per bloccare i nodi Tor.
    • Usa Oracle Identity and Access Management (IAM) per un approccio incentrato sull'identità alla sicurezza che semplifica l'inserimento e la gestione degli utenti. Utilizza IAM nel front-end della tua app per autenticare gli utenti con metodi di autenticazione efficaci e, al contempo, mantenere una user experience ottimale grazie a sicurezza adattiva basata sul contesto, accesso social o federato facoltativo o autenticazione senza password (a seconda dei requisiti). Supporta i requisiti normativi consentendo agli utenti di gestire il consenso per le condizioni d'uso e supportando i requisiti di residenza dei dati. Utilizza IAM nel back-end per limitare l'accesso ai componenti della tua applicazione in base alle esigenze. Applica l'autenticazione per gli amministratori tramite efficaci opzioni di multifactor authentication (MFA). Applica criteri di sicurezza efficaci che consentono l'accesso solo tramite autorizzazioni concesse in modo esplicito. Separa le responsabilità in modo che l'accesso sia limitato a coloro che ne hanno bisogno.
    • Cifra i dati in archivio con le chiavi memorizzate in Oracle Cloud Infrastructure Vault, supportate dai moduli di sicurezza hardware. Potresti prediligere l'utilizzo di chiavi di crittografia separate per ciascun servizio, ma allinea le entità del Vault con compartimenti. Cambia le chiavi di crittografia principali almeno una volta all'anno e le chiavi dei dati ogni tre mesi. Utilizza un vault privato nella produzione e replica le chiavi nelle aree secondarie. Crea i backup e memorizzali in Oracle Cloud Infrastructure Object Storage, in un'area separata. Proteggi le chiavi di crittografia e limita l'accesso alle chiavi solo a coloro che sono autorizzati dal proprietario dell'applicazione.
    • Utilizza le funzioni di sicurezza incorporate per autorizzare le istanze di computazione a eseguire azioni su altri servizi OCI.
    • Applica il principio della visibilità minima all'isolamento degli endpoint utilizzando la funzione dei gruppi di sicurezza di rete nelle reti cloud virtuali (VCN) OCI.. Abilita il log di Netflow su ogni VCN. Monitora il log DNS per attività di crittografia, comandi e controllo dell'attività del server.
    • Avvia la tua applicazione in una configurazione sicura predefinita utilizzando Oracle Security Zones. Utilizza le zone di sicurezza massima per compartimenti con subnet private. Assicurati che l'accesso degli operatori a qualsiasi istanza di computazione nelle subnet private avvenga attraverso Oracle Cloud Infrastructure Bastion.
    • Abilita Oracle Cloud Guard e risolvi o accetta e disabilita tutti i problemi. Abilita le notifiche sulle deviazioni e tratta con urgenza nuovi problemi.
    • Abilita Oracle Data Safe per proteggere i database Oracle monitorando gli utenti e l'accesso. Data Safe analizza inoltre i database per individuare le best practice per la sicurezza e gli alert sulle divergenze.
    • Scansiona periodicamente istanze e container per problemi di sicurezza noti utilizzando Oracle Vulnerability Scanning Service.

Modelli di architettura

Modelli con tecnologie consigliate.


Applicazioni Web o mobile

Le applicazioni Web in genere contengono un front-end che è ciò che gli utenti vedono e un back-end che ha la logica aziendale. In risposta a una richiesta utente o API, un'applicazione Web interagisce con l'API o con i dati memorizzati in un file system, nello storage degli oggetti, nello storage a blocchi o nel database. L'applicazione deve supportare client diversi, come browser e dispositivi mobile, e interagire con altri sistemi e applicazioni utilizzando le API.

Messaggistica

Le soluzioni di messaggistica connettono componenti dell'applicazione, incluse le soluzioni cloud per i sistemi on-premise esistenti. Ciò può consentire il trasferimento dei dati nell'ambito di una pipeline di elaborazione distribuita ben definita o la pubblicazione di messaggi in più sistemi a valle indipendenti che evolvono in modo indipendente.

Basato sugli eventi

Nel cloud, un evento può verificarsi o cambiare in modo significativo all'interno di un sistema. I principi fondamentali di un'architettura basata sugli eventi sono eventi di acquisizione, comunicazione, processo e persistenza. Quando crei un'applicazione basata sugli eventi su Oracle Cloud Infrastructure (OCI), puoi sottoscrivere le modifiche delle tue risorse cloud e gli eventi generati dalla tua applicazione. Ciò consente di rispondere in tempo quasi reale. La maggior parte delle applicazioni moderne create con microservizi si basa su un'architettura basata sugli eventi.

Big Data e analytics

I Big Data sono un set di funzionalità e di modelli che consentono di gestire, raccogliere, archiviare, catalogare, preparare, elaborare e analizzare tutti i tipi di dati (non strutturati, semistrutturati e strutturati), indipendentemente dal fatto che provengano da fonti quali database, video, moduli, documenti, file di log, pagine Web o immagini. Le funzionalità big data di Oracle comprendono vari servizi e strumenti per iniziare il tuo percorso verso i big data in base alle tue competenze e preferenze.

Machine Learning (ML) e AI

I data scientist e gli esperti del machine learning non vogliono dedicare tempo al provisioning, all'upgrade, all'applicazione di patch e alla protezione dell'infrastruttura. Vogliono creare, formare, distribuire e monitorare modelli che hanno un impatto sull'azienda. Una piattaforma di machine learning deve essere completamente gestita e può eseguire tutti questi passaggi nel ciclo di vita dello sviluppo del modello.

Estensioni SaaS

Oracle Fusion Cloud, l'offerta Software as a Service (SaaS) enterprise di Oracle, si occupa di soluzioni per aree quali HCM, ERP, SCM e CX. Offre numerose funzionalità, ma a volte le aziende desiderano creare interfacce utente e processi di business personalizzati in grado di estendere tali funzionalità. Queste applicazioni di estensione si integrano con le informazioni di Oracle Fusion Cloud, utilizzano lo stesso livello di sicurezza e spesso "mischia" i dati di altri sistemi, offrendo un'esperienza utente che si integra perfettamente con le applicazioni Oracle Cloud.

Low Code

Le piattaforme low code sono adatte per creare applicazioni opportunistiche in collaborazione con gli stakeholder aziendali, creare applicazioni di reporting e analisi dei dati, estendere applicazioni SaaS e modernizzare le applicazioni legacy. A ogni riga di codice è associato un costo per la creazione, la manutenzione, il debug, l'upgrade e la protezione. Oracle Application Express (APEX) aiuta gli sviluppatori a evitare questi costi fornendo componenti di alto livello e modelli di progettazione comuni attraverso un'esperienza di sviluppo intuitiva e grafica.

Suggerimenti sulle tecnologie e sulle piattaforme